Archivi categoria: popoli-religioni

articoli di antropologia, antropedagogia, psicopedagogia, storia, scienze delle religioni, filosofia.

Token economy schools

Blockchain (PoS) – criptovalute (BAT, ETH, BTC, TER, NEO) – exchange (Binance) – browser/lingue (brave, python esempi, instagram) – startup inn

ETH è la criptovaluta usata dalla fondazione Ethereum per tutti gli usi nella sua blockchain, come acquistare servizi, creare nuoveìi token ERC20, etc. Mentre il Bitcoin (nelle sue varietà cash e simili) è la criptovaluta base della bitcoin blockchain.

TER è il gettone virtuale (erc20) usato sulla sito di agrobuti.org

BAT & bravesulla blockchain di Ethereum, succede che il token BAT (Basic Attention Token) migliora l’efficienza della pubblicità digitale, questo gettone può essere scambiato tra editori, inserzionisti e utenti. BAT è integrato con Brave Browser, veloce, open source, incentrato sulla privacy e in grado di bloccare i malvertisement e i tracker.

Startup (Gae): scopo delle Startup innovative è portare innovazione e sviluppo, trasversalmente in tutta l’economia, per il rilancio dei diversi mondi produttivi, e agendo come stimolo per le imprese tradizionali e PMI. L’attività delle startup deve essere: sviluppo, produzione o commercio di prodotti o servizi innovativi ad alto VALORE e non a CONTENUTO tecnologico. Dunque attività finalizzata anche alla realizzazione di beni o servizi tradizionali, purché realizzati con nuove tecnologie.. il legislatore ha emanato la Legge 24/3/2015 n. 3 al fine di sostenere l’innovazione tecnologica, a favore di tutte le piccole e medie imprese a prescindere dalla data di costituzione, dall’oggetto sociale e dal livello di maturazione. Alla PMI innovativa è stata riconosciuta gran parte delle agevolazioni concesse alle startup. (fonte: studio Bussolari di Bologna)

miti del buiti

beti ngomo, suonatore di arpa ngombi

ciclo di miti e riti di varie confraternite del Buiti
Il Bwete è musica onnipresente, rituale e simbolica. Gli strumenti usati nelle veglie (dette ngozè), sono tamburi, sonagli, corni, e, nel ruolo centrale, ngombi e mongongo, veicoli della voce degli antenati e degli spiriti mobilizzati nei rituali. Ngombi è cuore rituali disumba (branca madre del bwete, nata dal culto degli antenati) mentre nel misoko (branca terapeutica e visionaria nata/sviluppata nel XX secolo) predomina il mogongo, pure presente nell’altra branca. Le masimba sono interludi liberi tra i canti del bwiti. La parola masimba designa, sia i preludi attraverso i quali l’arpista accorda il suo strumento improvvisando liberamente, sia un idea di debutto, di prima espressione vocale dal seno materno cosmico, simboleggiato da YaMwei (vedi L’arc et la harp, dove Pierre Sallée scrive del rapporto semantico tra la forma musicale e le sue connotazioni iniziatiche).

Continua la lettura di miti del buiti

aborigeni

aborigen Neanderthalensis
aborigeno europeo

Uomini aborigeni di Europa, adornati di Penne, come i cugini del resto del pianeta: il Neandertal continua a far parlare di sé: l’ennesima conferma dai risultati degli scavi nella grande grotta di Fumane (Verona), che hanno dimostrato come Neandertal 44.000 anni fa, probabilmente per esibire potere e autorità, si ornava con penne di volatili (similmente agli Indiani d’America), selezionando le migliori per grandezza e bellezza. E lo faceva ancor prima del Sapiens. Il pensiero simbolico di Neandertal è così confermato, dopo i rinvenimenti di conchiglie usate come gioielli e pigmenti per dipingere il corpo, nel sito di Fumane sono evidenti le tracce di macellazione sulle ossa delle ali degli uccelli rapaci (avvoltoi e falchi) come pure quelli del distacco forzato di ali intere o parti di esse, nonché di singole penne. Per un uso ornamentale, musicale e rituale.

escatologia

video e musical sui miti della fine e dell’inizio ..

Miti di sibille, anfibi e serpenti
I nativi Europei (slavi, finni, irish, etc) produssero varie storie sul potere di cura dei serpenti, rane e altri animali, proponendo effigi di draghi da portare in processione in date feste. Continua la lettura di escatologia

popoli slavi

Camuni
Camuni del nord Italia, incisioni rupestri

Pamela narra la storia dei suoi progenitori slavi, Otzi e Delia: ricordo che camminavano a piedi nudi, per quanto possibile tutti i nostri comuni antenati erano connessi a terra, nudi ma ricoperti di pelo, adatti a catturare onde elettriche dalla atmosfera e portarle a terra.. viaggiavano per la Terra, creando villaggi, così mio nonno diceva degli SLAVI: da qualche parte del mondo, esiste una Quercia primordiale che dà i semi di tutte le piante esistenti.. un tempo crebbe forte e divenne alta da raggiungere il Cielo-Perun, dove erano custoditi l’Acqua, il Fuoco e la Terra e tutti le sementi.  continua su cloudbase, popoli slavo-italici

Continua la lettura di popoli slavi

primi tempi

Esiste un tempio, ai margini delle antiche terre, vuoto, di forma incerta, spoglio di ornamenti, privo di supplicanti e di officianti, un tempio povero anche di mura, ma pieno di Divino, sta a noi scoprirlo ( vedi quartine) ..  Sebastian canta i versi del poema Libertages, vangelo (gospel) che narra la storia del tempio Therabuti, un mitico giardino che dopo milioni di anni ricollega l’Africa all’Italia: ‘tutti gli anni, con l’arrivo della stagione secca, tra Giugno e Novembre, il popolo degli Elefanti abbandona le savane aride e si muove, seguendo sempre gli stessi itinerari, alla ricerca di zone più ospitali vicine a fiumi e fonti d’acqua inesaurite … Seba narra dei simposi serali al Terabuti, che si tenevano tra dodici frequentatori abituali e altri ospiti di passaggio. Il Poema comincia così: Tempo fà un sufi, figlio della madre India, Shirdi Sai Baba, venne in Italia assieme al Mahatma Gandhi.. ora accade che, in provincia di Viterbo, dopo aver visitato le grotte degli eremiti di Norchia, poi un antico santuario rupestre nella Macchia delle Valli presso Vetralla, Sai di Shirdi ebbe un ispirazione e volle raggiungere il fiume Biedano nell’omonima valle (forra).. durante una sosta in un campo di Ulivi, ebbe un incontro con uno spirito del posto (genius loci), un figlio di Madre Thera che disse di chiamarsi Tago..
continua su cloudbase